top of page

BLOG
per viaggiare tra vari punti di vista

WhatsApp Image 2022-08-26 at 21.44_edited.jpg
  • Immagine del redattoreMarina Quercioni

SONDAGGIO 1 - Risposta

Ecco...

Il sondaggio "PERCHE’VUOI/VORRESTI SAPERE SUBITO IL SESSO DI UN BAMBINO IN PANCIA?" che vi avevamo proposto è terminato.

Questi i risultati:

40% Non lo vuole sapere…mi piace l’attesa

25% si voglio dargli subito un nome

20% si sono troppo curioso

15% si voglio organizzarmi

Ovviamente grazie a tutti coloro che si sono iscritti al nostro blog e hanno partecipato.

La scelta di proporre un sondaggio è nata dal nostro desiderio di aprire uno “spazio pensiero”, partiremo quindi dai risultati del sondaggio.

Facendo la premessa che non vi è una scelta migliore o peggiore, non vi è una modalità giusta o sbagliata, emerge, all’interno di questo gruppo che ha risposto, il bisogno di sapere il sesso del proprio bambino per dargli/le un nome, per organizzarsi, per semplice curiosità.

Abbastanza importante è la percentuale anche di coloro che voglio stare nell’attesa che preferiscono l’invisibilità, lo sconosciuto, l’ombra, il buio, il mistero.

Non è facile questa scelta che è controcorrente in un mondo dove si cercano certezze e la mancanza di controllo fa paura.

Questa è solo una fotografia, una lettura che noi facciamo molto personale, una lettura sociologica del risultato del nostro piccolo sondaggio.

Lo spazio pensiero sarebbe bello diventasse un confronto anche con voi che ci leggete, potete condividere i vostri pensieri qua sotto nei commenti.

Visto i temi che trattiamo nel nostro blog, vogliamo fare una considerazione relativa alle mamme e alle coppie visto che il sondaggio li coinvolge o li ha coinvolti in prima persona.

Ogni mamma e papà, quando sono in attesa di un piccolo, si trovano a dover operare delle scelte, per esempio quale ospedale preferire per partorire, quale corso di accompagnamento alla nascita frequentare e tanto ancora.

Ogni scelta che i neo genitori faranno, crediamo sia la scelta migliore per il loro bambino, ciò che conta è la consapevolezza, le scelte ovviamente sono diverse perché siamo diversi.

C’è chi preferisce l’ospedale vicino a casa, chi quello dove presta servizio il proprio ginecologo, chi si fa seguire da un’ostetrica, chi sceglie la casa di maternità e così via.

Ognuno parte da sé, dalla propria storia personale, di coppia e di gravidanza.

Quindi...

È meglio sapere il sesso del neonato o non saperlo? Ogni papà ed ogni mamma scelgono in base a ciò che sentono.

Quello che per noi è importante è che si crei una riflessione e non farsi trascinare dal mondo, come spesso purtroppo ci accade per mancanza di tempo, presi da troppi pensieri e incombenze da sbrigare.

Cerchiamo invece di fermarci e chiederci se per noi questa scelta è in sintonia con il nostro modo di vivere la vita, con la visione che abbiamo di famiglia, di genitori.

Leggevamo ieri, il blog di Gianluca Gotto scrittore, che con la sua compagna stanno aspettando un bambino...

Raccontavano di aver chiesto alla ginecologa di scrivere il sesso del bambino su un foglio, non l’hanno aperto perché andranno a scoprirlo in un luogo del mondo per loro importante.

Chi impara ad amare l’incertezza trova la chiave per la serenità. Perché la vita è piena di incertezza” così scrive nel suo libro "Succede sempre qualcosa di meraviglioso".

Partendo da questo punto di vista Gianluca e la sua compagna hanno fatto la loro scelta, perché quando ci si ferma a riflettere, ogni coppia fa scelte uniche, diverse che riflettono il loro stile di vita.

Tante volte non si trovano questi spazi e diamo per scontate alcune decisioni, considerandole marginali, ma la vita è fatta di piccole cose, sta a noi non renderle banali perché non lo sono.

Avere attenzione consapevole è ciò che ci cambia la vita, è ciò che cambia il mondo e mai come adesso abbiamo bisogno di cambiamenti e creare generazioni future consapevoli.

Proprio perché crediamo nello spazio pensiero, nella sua importanza, vi proporremo altri sondaggi che hanno come finalità il riflettere, da soli, in coppia, tra amici, in famiglia e se lo vogliamo anche nel blog, senza giudizio e uscendo dalla logica di chi ha ragione e chi ha torto, andiamo oltre il giudizio morale che crea solo rabbia, desiderio di potere e in ultima analisi guerre.


Marina e Viola

Anima Viola Team


Post recenti

Mostra tutti

Komentáře


bottom of page